mercoledì 4 gennaio 2017

Mr. Ciak: Animali Notturni, Blue Jay, Passengers, La ragazza del treno

Susan, sofisticata gallerista, riceve un manoscritto inedito da Edward, il primo marito. Lei borghese e lui senza il becco di un quattrino: tra i due, quando la ribellione aveva ceduto il passo alla routine, non era finita bene. A ispirarle un impensato esame di coscienza, a rubarle il riposo, quella lettura che la rabbonisce e la schiaffeggia. Il dolce Edward la turba pagina dopo pagina, con un'opera di cui non lo credeva capace: la parabola violenta, disperata, di un uomo che persegue una lenta vendetta. Animali Notturni è il ritorno di Tom Ford dopo lo struggente A Single Man. A suo agio con le scarpe a specchio e i divi senza un capello fuori posto, qui vuole stupire – e ci riesce, anche se in definitiva gli ho preferito il più scontato melodramma con Firth – con una storia nella storia. Animali Notturni, coinvolgente thriller allo specchio, si divide in due metà perfette e complementari: costruito su piani narrativi opposti, alterna la realtà di Susan – fredda, manierata, brillante come l'acciaio: e lì, in tutta la sua eleganza, c'è il tocco del pioniere delle passerelle – alla fantasia di Edward – al contario polverosa, sporca, selvatica. E, ambizioso, il film è a due generi inconciliabili che guarda: il languore del melodramma, così, viene stuprato dagli energumeni sudici e logorroici del pulp di Tarantino. Tra passato e presente, sparatorie e vernissage, Animali Notturni è essenzialmente l'amara storia d'amore e vendetta di due vecchi amanti – la magnifica Amy Adams, il tormentato Jake Gyllenhaal – che, rancorosi ma presi, si tolgono il sonno a vicenda. Cos'è stato dell'universitaria tanto disgustata dal perbenismo borghese? Cosa dell'artista debole e bisognoso, ora artefice di parole come lame? Le lunghe e soffocanti notti di Tom Ford non sono fatte per l'amore. Il regista con il cognome da eroe western e lo sguardo dell'esteta, cinico e sempre padrone di sé, bilancia le prove del suo cast di fuoriclasse, gli opposti, le gradazioni di colore. La luna sussurra un agghiacciante racconto pulp che, tra le righe, riassume vent'anni di lontananza. E la scrittura, ammaliante e ragionata, onnipotente, è un'arma che assicura finalmente l'ultima parola a chi – contro Cupido e l'ipocrisia – una volta ha già perso. Quando ti innamori di uno scrittore, dicono, vivi per sempre. E quando gli spezzi il cuore? (7,5)

Quanto è bella Sarah Paulson: non ci avevo fatto caso. Quello il primo pensiero, vedendola sorridere per la prima volta senza badare alla dizione perfetta o alle rughe d'espressione. Meno manierata che in passato, sciolta e confidente, mette in scena non un personaggio ipercaratterizzato dei suoi: Amanda ha il suo stesso viso, un marito molto più grande e, tornata nella città natale per aiutare la sorella incinta, consacra un pomeriggio alle spese folli per assecondare le voglie della parente. Tra le corsie del supermercato incrocia il Jim di un sorprendente Mark Duplass: al liceo erano innamorati pazzi, ma ventidue anni di silenzi e lontananza li hanno trasformati. Lei, con un berretto che le schiaccia i capelli e un giaccone trasandato, è tentata di volgere lo sguardo altrove; lui è uscito di casa senza radersi e lavarsi i denti. Ma loro invece si guardano e se lo domandano: com'è possibile ritrovarsi lì, in quell'angolo di California in cui niente – attempati cassieri compresi – è davvero cambiato? Possono fingersi per una notte quelli di sempre, come se non ci si fossero messi di mezzo matrimoni, amarezze e bivii raggirati? Blue Jay è un poco galante invito a cena che nasconde, in realtà, una scusa: viaggiare attraverso gli anni Novanta, dando man forte alle musicassette e alla nostalgia, e ballare scordinati Annie Lennox pestandosi le scarpe. Dramma indie prodotto da Netflix e presentato in anteprima a Toronto, ha quel che cerco in una storia d'amore da Prima dell'alba in poi: lunghi dialoghi che fanno il bello e il cattivo tempo, personaggi che trasformano le reciproche fragilità in vanto – Amanda non sa piangere, mentre l'emotivo Jim deve avere dimenticato come frenare le lacrime – e registi discreti, che ci sono ma non si vedono. Blue Jay, eppure, ha l'esordiente Alex Lehmann a dirigere, e la sua scelta è ricaduta su intensi primi piani e uno struggente bianco e nero. Però la splendida Paulson e il sensibile Duplass, protagonisti di una magica sintonia, chiacchierano senza intralci – intorno a loro è scomparsa la troupe, dev'essere finito anche il mondo – e si abbandonano indisturbati ai ricordi. Maestri dell'improvvisazione, si fingono marito e moglie con accenti posticci e languori che scoppiano in sincere risate. Ma la loro buffa e agrodolce farsa è più vera della realtà: più felice di sicuro. I grigi limpidi e i sorrisi rubati per un soffio a Blue Jay stracciano il cuore. E come dicono di una ballad di Adele che canta la gioventù perduta e seconde possibilità che spaventano, nel mentre puoi sentire perfino la nostalgia delle persone che non hai ancora amato. (8)

C'è chi, nei momenti di sconforto, nel freezer ci trova il gelato al pistacchio. E chi, naufrago verso un pianeta da colonizzare, scongela a piacimento una Jennifer Lawrence per combattere l'incontenibile tristezza che affligge i passeggeri solitari. Jim si risveglia con novant'anni d'anticipo. Il resto dell'equipaggio, immerso in un sonno criogenico, continua a dormire. L'insonne condanna alla sua stessa sorte Aurora, sperando di proteggerla il più a lungo possibile dalla verità. Futuristici Adamo ed Eva su una navicella che cola a picco dopo il romantico idillio iniziale, Christ Pratt e Jennifer Lawrence. Coppia tanto attraente quanto sopravvalutata, i due riempiono il secondo film statunitense di Morten Tyldum di ammiccamenti, litigi e occhiate poco convinte. A scatola chiusa, eppure, Passengers sembrava fantascienza seria. Distribuito nell'imminente stagione dei premi sulla scia del fortunato The Imitation Game, faceva il verso a Gravity con la partecipazione dell'asso piglia tutto Jennifer Lawrence. Furbo e attesissimo, il film prometteva odissee nello spazio e scintille: chi non ha letto almeno una volta le dichiarazioni della protagonista, brilla per combattere l'imbarazzo delle scene più spinte? Passengers ha un sesso immaginario – a qualcuno andrà forse meglio, con una visione passeggera del sedere di Pratt – e una scrittura vittima del ridicolo involontario. Se l'ironia di lui ispira empatia, l'assurda concitazione della Lawrence fa sì che la nave (ogni riferimento a Titanic non è causale) imbarchi altra acqua. Passengers altro non è che una commedia superficiale nello spazio profondo. Da non amante della fantascienza, non posso dire che la leggerezza della traversata mi abbia annoiato. Le esplosioni delle grandi produzione e le potenziali svolte tragiche, però, fanno sorridere. A contendersi la colpa di questo blockbuster in avaria, lo sceneggiatore e, a sorpresa, due divi colti impreparati dalle lunghe e spontaee passeggiate dalle romcom che dico io. Con un bravissimo Michael Sheen al bancone, automa loquace e pettegolo, si beve per dimenticare le fotoricordo di una goffa e pacchiana crociera tra le stelle. (5)

Rachel affoga i dispiaceri in una bottiglia di chardonnay e, dal finestrino del regionale, sbircia le vite altrui. Spia l'ex, felice accanto a un'altra donna, e fantastica su una coppia sconosciuta che associa alla perfezione. Viaggiando assiste a un tradimento che fa vacillare le sue fiabe. E, svegliandosi da una notte di eccessi, insanguinata e piena di lividi, scopre che Megan – la bionda tanto invidiata – è stata uccisa. Rachel ha visto l'assassino in un momento di lucidità? O è lei, gelosa, a essersi macchiata del delitto? La trama la conoscete: è quella del thriller più venduto da due anni a questa parte. La mia opinione, forse, pure: un gonfiatissimo caso editoriale, criticato per lo stile pedestre e il giallo intuibile. La ragazza del treno era raffazzonato, intricato invano. Una trasposizione poteva fare solo meglio. Il film di Tate Taylor, stroncato dalla critica, mi ha convinto il giusto, mostrandosi superiore al romanzo della Hawkins – poco ci vuole, uno dice – e alle mie scarse aspettative. La struttura tripartita resta, e insieme a quella anche i difetti. Le voci narranti, il montaggio che prevede salti indietro tutt'altro che pratici, il ritmo lontano da qualsiasi frenesia si addicono poco alle esigenze del cinema di genere. Se il gioco non vale la candela, se il mistero è modesto come in questo caso, il puzzle di prospettive diverse – schematico ma originale – giova. Se personaggi maschili ridicolmente belli e sospetti fanno da corollario, allora, meglio le donne: sprecata la Ferguson, annoiata moglie trofeo; sorprendente la sexy Haley Bennett, irrequieta e sofferente traditrice; in odore di nomination una farfugliante, stravolta Emily Blunt. La ragazza del treno continua a non avere i segreti diabolici di Gone Girl, ma i pensieri incensurati delle protagoniste lo avvicinano a un dramma psicologico che, tra le righe, convince parlando di maternità e relazioni. Tu togli una pessima scrittura e aggiungi un cast di prime donne: così facendo, anche i prodotti più modesti non escono fuori dai binari. (6,5)

24 commenti:

  1. Ovviamente recupererò Blue Jay, anche se non è esattamente il mio genere, anche solo per vedere Sarah Paulson in un contesto che non sia AHS.
    Di "La ragazza del treno" sto ascoltando l'audiolibro, ma non mi convince granché quindi non so se dare o no un'opportunità al film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ragazza del treno è fiacchissimo, ma il film si lascia guardare. Purtroppo, dati i problemi qui e lì, mi dispiace che la Blunt sia stata tagliata fuori dalla stagione dei premi: è bravissima. :)

      Elimina
  2. Lo sapevo che Passengers sarebbe stato un flop!
    Gli altri tre li recupererò...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stranamente c'è anche chi ne parla bene :-D

      Elimina
  3. Visto solo Animali Notturni, mi è piaciuto tanto nonché turbato parecchio (e si,Amy Adams è invecchiata pure lei nonostante sia bellissima); gli altri mi interessano poco, ormai la Lawrence mi irrita qualunque cosa faccia vedi un po' tu...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto, ma l'ho trovato troppo gelido per i miei gusti. Gli ho preferito, e di un bel po', il primo.
      La Lawrence insopportabile, confermo. Con lo scopettone rotante di Joy mi ha definitivamente perso.

      Elimina
  4. Emily Blunt io l'ho trovata del tutto fuori parte in La ragazza del treno. Pessima anche la regia...
    Peccato perché la storia sarebbe interessante, ma il film per me non funziona.
    Salvo giusto la muchacha sexy Haley Bennett. :)

    Haley Bennett che tra l'altro ricorda molto la da te odiata Jennifer Lawrence... Passengers comunque devo ancora vederlo, ma considerando che non sopporti Jen & Chris, non so se fidarmi troppo della tua stroncatura. ;)

    Animali notturni notevole: magari non riuscito al 100%, ma al 90% sì.

    Blue Jay sarà tra le mie prossime visioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più di Jen & Chris, come li chiami tu, non sopporto i film scritti coi piedi. :)
      La ragazza del treno a me è piaciucchiato, e soprattutto per la Blunt, ti dirò.

      Elimina
  5. Anche a me é piaciuta molto la Blunt, il resto decisamente meno! Passengers lo recupero domani ma non ho grandi aspettative...
    Animali Notturni angosciante quanto affascinante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me la Blunt, e pure la Bennett (non solo per le doti artistiche, ecco). Ci sono comunque più pregi che nel romanzo. ;)

      Elimina
  6. Chris e Jen non promettevano niente di buono nello spazio, e visto che quest'anno si va a risparmio... me lo risparmio, così come continuo a risparmiarmi La ragazza del treno che mi ispira sempre meno.

    Blue Jay dovrei riuscire a vederlo in questi giorni, tempo permettendo, e mi aspetto le faville che dici.

    Tom Ford pure io l'ho preferito intimista al suo esordio, ma qui confeziona un film elegante e tagliente, in cui Jake e il suo sorriso piacione mi hanno mandato in brodo di giuggiole (prima di farmi sentire lacrime, sangue e polvere in Texas).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gyllenhaal, da quando ha fatto Lo sciacallo, lo trovo meno bello e più inquietante che in precedenza. Colpa degli occhi da pazzo di Lou Bloom, che non mi scordo? :)
      Spero che Blue Jay ti piaccia. Non serve dirlo, ma non guardarlo doppiato tu che con Netflix puoi scegliere. L'edizione italiana è pessima, pessima.

      Elimina
  7. "La ragazza del treno" mi è sembrato un thriller senza il thriller. "Passenger" invece mi è sembrata solo una poverata costata tantissimo, la trama cade più a pezzi della nave dei protagonisti ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un thriller senza il thriller: mai definizione fu più giusta.
      Concordiamo sulla pochezza di Passengers. :)

      Elimina
  8. Concordo in pieno su "Blue Jay" (mi ha emozionato tantissimo!!!) e "La Ragazza del Treno"! :)
    La tua recensione mi consola un po', per quanto riguarda Passengers: non riesco a beccarlo da nessuna parte, la programmazione è ancora monopolizzata dai cinepanettoni di Natale! ç____ç Mi sa che dovrà aspettare! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta, sì. Probabilmente in sala ci sono Cinepanettoni pensati un po' meglio, se cerchi bene. :-P

      Elimina
  9. Blue Jay ancora mi manca, Passengers è lì in attesa, ma ho poca voglia.
    Con Animali notturni potevi osare un pochino di più. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, lo so. Purtroppo l'ho trovato un po' freddino, e avevo il ricordo dello struggente A Single Man ancora fresco.
      Sono reduce da Assassin's Creed, piuttosto. Brrr... :)

      Elimina
  10. blue jay è in rampa di lancio, avevo intuito anche io le potenzialità del film ... la ragazza del treno non mi convinceva ma adesso mi sa che una occhiata me la ruba .... Animali notturni thriller psicologico dell'anno ! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggo ora, ma curioso di sapere cosa penserai dei film che ti mancano ;)

      Elimina
  11. animali notturni e la ragazza del treno avevo già inenzione di guardarli, anche se forse il secondo comincia ad attirarmi meno :-D
    Blue Jay invece mi attizza parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Animali notturni e Blue Jay ti piaceranno molto. :)

      Elimina
  12. Ho abbastanza detestato La ragazza del treno. Avevo pure voglia di leggermi il libro, ma non lo farò. Non che sia oggettivamente brutto, ma non mi ha preso per nulla come film.

    Animali notturni l'ho trovato splendido, una delle migliori visioni dello scorso anno, sicuramente. E Gyllenhaal e la Adams sono sempre assurdi.

    Passengers lo vado a vedere stasera e ci spero un po'. Il voto non mi conforta, ma a me questo tipo di storie piacciono, quindi non si sa mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro è il male nel mondo, Alfonso.
      Il film si guarda.

      Elimina